La nostra struttura e presenza internazionale porta con sé il confronto con realtà molto diverse tra loro, e necessita da parte nostra di una conoscenza approfondita del territorio e delle esigenze degli stakeholder con l’obiettivo di rispondere con efficacia alle richieste e definirne le priorità.

Il rapporto e il dialogo con le comunità e le Istituzioni viene gestito al nostro interno a livello di Capogruppo, attraverso la Funzione Public Affairs – Rapporti Amministrazioni Centrali e Locali, e l’Ufficio di Rappresentanza di Bruxelles che segue gli affari istituzionali europei.

 

Essi rappresentano:

  • il nostro filo diretto con le Istituzioni nazionali ed europee e le Pubbliche Amministrazioni, su cui si cerca di convogliare tutte le istanze provenienti da e verso i territori;
  • il Gruppo Fincantieri e tutte le nostre società collegate presso il Parlamento, il Governo e le realtà istituzionali nazionali ed europee, le cui azioni possono avere delle ricadute dirette o indirette sulla società, attraverso relazioni simmetriche con i propri interlocutori.

Abbiamo costruito un processo basato sulla fiducia reciproca, presentando il punto di vista del Gruppo nei confronti delle posizioni del decisore pubblico, sostenendo in piena trasparenza le istanze aziendali, anche attraverso l’elaborazione di position paper sempre supportati da un fondamento giuridico-normativo, scientifico ed economico.


In particolare, le attività di riferimento della Funzione Public Affairs hanno seguito due direttrici fondamentali:

  • gestione delle emergenze: insieme alle azioni strategiche poste in essere per garantire sempre la piena operatività produttiva dei nostri cantieri, il Gruppo nel corso del 2021 ha affrontato anche questioni legate alla sua dimensione internazionale, per cui, attraverso un dialogo costante con i Ministeri italiani di riferimento e con le Ambasciate italiane all’estero, è stato possibile garantire sempre la sicurezza e l’operatività del Gruppo anche in situazioni emergenziali legate alla pandemia.
  • Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR): Fincantieri ha contribuito proattivamente alla definizione di proposte di interesse generale da inserire in progetti di ampio respiro da declinarsi all’interno delle macro-aree di riferimento del Piano, con l’obiettivo di rilanciare pienamente il Paese e il suo tessuto produttivo e occupazionale.

La Funzione Public Affairs considera l’aspetto della sostenibilità un elemento essenziale nell’ambito delle attività istituzionali, capace di fornire valore aggiunto sia alle strategie aziendali e sia complessivamente per l’agenda nazionale per lo sviluppo sostenibile. In particolare, in ambito ambientale, la Funzione ha promosso attivamente presso le competenti autorità politiche ed amministrative, normative e misure di sostegno all’economia circolare e alla transizione ecologica arrivando all’istituzione del Nuovo piano dei dragaggi sostenibili e alla previsione della possibilità di pieno riutilizzo – secondo procedure che siano il più possibili ecocompatibili - dei sedimenti recuperati dai dragaggi. Ha supportato altresì l’Azienda nelle interlocuzioni istituzionali per il progetto IPCEI (Importanti Progetti di Comune Interesse Europeo) idrogeno al fine di favorire la decarbonizzazione del trasporto marittimo anche nel settore cruise, ambito che offre molteplici opportunità di sviluppo.


Le azioni di supporto amministrativo e strategico della Funzione hanno visto: la promozione delle misure di incentivo per riconversione ecologica dei mezzi navali privati nazionali per un nuova flotta green italiana, il piano nazionale di “cold ironing” per l’abbattimento delle emissioni di CO2 nei porti nazionali e le modifiche normative relative alla tariffa elettrica per incentivare l’uso dell’energia elettrica da terra per gli armatori, il piano relativo all’“eolico offshore galleggiante” al fine di consentire l’introduzione di questa tipologia di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nell’ambito delle fondi di approvvigionamento nazionale.

 

Le relazioni a livello Europeo sono garantite dall’Ufficio di Fincantieri a Bruxelles, le cui attività sono rivolte al rafforzamento del dialogo istituzionale e con gli stakeholder e alla rappresentanza degli interessi aziendali direttamente presso gli interlocutori delle Istituzioni Europee, e in ambito associativo.
Numerosi sono i temi dell’agenda politica europea di riferimento, tra i quali spiccano le strategie di decarbonizzazione definite nel Green Deal dell’UE, le iniziative relative al mercato interno e al commercio internazionale, le politiche ambientali, energetiche e di mobilità sostenibile, la corporate governance e la finanza verde, la transizione digitale e i programmi di ricerca e innovazione, oltre ai temi della sicurezza e della difesa europea.

In linea con l’impegno aziendale in queste aree, nel mese di aprile 2022 Fincantieri è stata nominata Presidente del segmento marittimo della nuova Alleanza industriale lanciata della Commissione europea e dedicata alle catene del valore dei carburanti rinnovabili e a basse emissioni. L’Alleanza industriale ha l’obiettivo di favorire la disponibilità e l’utilizzo di questo tipo di combustibili per l’intero settore marittimo, contribuendo fattivamente alla decarbonizzazione di questo importante ecosistema e agli obiettivi di riduzione delle emissioni al 2030 e al 2050.
L’Azienda ricopre peraltro un ruolo di leadership anche nel contesto dell’industria della difesa UE, grazie alla recente nomina alla Presidenza di SEA Naval, il forum della cantieristica navale europea, con l’obiettivo di fornire contributi di sostenibilità anche per lo sviluppo dei segmenti delle energie verdi e della sicurezza.

APPROFONDIMENTI

Responsabilità Sociale

LE NOSTRE LINEE D'AZIONE

Progetti e iniziative