Le navi da crociera

Una nave da crociera è una città galleggiante ideale e autosufficiente che dialoga costantemente con la terra, progettata, costruita e gestita per salvaguardare la salute e la vita di chi temporaneamente vi abita per divertirsi o per lavorare: migliaia di persone appartenenti a Paesi e culture diverse, che coabitano e rispondono alle sue regole di governo.
Il presidio dell’evoluzione normativa è un elemento fondamentale, a livello strategico e tecnologico, per identificare con largo anticipo le possibili evoluzioni del mercato, anticipare i nuovi fabbisogni emergenti proponendo soluzioni innovative, competitive a livello di prodotto e di processo e che rispettino gli standard di fattibilità tecnica, economica e ambientale.
Abbiamo un ruolo attivo e propositivo nello sviluppo dei regolamenti internazionali per la sicurezza e siamo un interlocutore accreditato presso l’International Maritime Organization (IMO), l’Agenzia specializzata delle Nazioni Unite nella tutela della sicurezza della vita umana in mare e dell’ambiente.

I NUMERI DELLA COMPLESSITÀ - Che cosa occorre in media per costruire una nave da crociera

22.000

mq di sale pubbliche: come 3 campi di calcio

135.000

ore di progettazione

3.800

km di cavi: più di 7 volte la distanza Roma-Venezia

2.000.000

ore di lavoro in cantiere

Le nostre navi sono un riferimento tecnologico a livello mondiale e si caratterizzano per la presenza delle più avanzate tecnologie per il risparmio energetico, per la riduzione delle emissioni, per le elevate performance e per l’alta qualità delle soluzioni tecniche adottate, che garantiscono altissimi standard di comfort a bordo.
Per questo motivo abbiamo abbracciato gli obiettivi dell’International Maritime Organization, sintetizzati nello slogan “Trasporto sicuro, protetto ed efficiente su oceani puliti”.

La riduzione dell’impatto ambientale è divenuto uno dei driver più importanti per la progettazione e innovazione nel campo delle navi da crociera.
Abbiamo sviluppato, validato e applicato sulle nostre proprie navi più di 100 iniziative finalizzate a:

  • migliorare l’efficienza idrodinamica e propulsiva;
  • valorizzare il calore di scarto (fumi e acqua di raffreddamento) con sistemi di recupero e di cogenerazione;
  • ridurre sistematicamente il fabbisogno energetico delle utenze di bordo.

ALCUNI ESEMPI DI SOLUZIONI ENERGY SAVING RIDUZIONE CONSUMI*
Applicazione fan coil in cabine 290 t/anno
Applicazione fan coil in aree pubbliche 160 t/anno
Sistemi di regolazione a velocità variabile per motori elettrici 220 t/anno
Ottimizzazione "Heat recovery system" 270 t/anno
Ritaratura sistema generazione acqua potabile 48 t/anno
Incremento classe energetica motori elettrici 75 t/anno
Illuminazione LED e ad alta efficienza e controllo automatico illuminazione 130 t/anno

*Dati per nave da crociera circa 130.000 GRT (t combustibile/anno)

Il nostro impegno nella riduzione delle emissioni gas inquinanti si concretizza nell'adozione di nuove soluzioni e tecnologie come ad esempio:

 

  • Motori diesel di ultima generazione, abbinati all'installazione di sistemi di depurazione dei fumi nei sistemi di scarico.
  • Motori a gas naturale liquefatto (LNG), che permettono una riduzione delle emissioni significativa rispetto a motori tradizionali. Tale riduzione è pari a circa. il 25% per quanto riguarda le emissioni di CO2 e di oltre il 75% per le emissioni degli altri particolati.
    Abbiamo già realizzato un traghetto speciale per il Canada e nel corso del 2018 abbiamo conseguito importanti affermazioni per unità da crociera a LNG.
  • Unità navali elettriche o ibride. L'energia fornita dalle batterie elettriche viene utilizzata in via esclusiva in particolari situazioni (ad esempio sosta in porto), oppure in integrazione con motori diesel di bordo neo momenti di massima richiesta di potenza (ad esempio navigazione e massima velocità). La nostra controllata VARD ha in contratto e in offerta diverse unità navali di piccola/media dimensione, dotate di batterie elettriche a copertura totale o parziale del fabbisogno energetico.

 

Il futuro è nell'applicazione delle fuel cell, dispositivi di conversione elettrochimica che generano energia elettrica e calore combinando un combustibile. Sono in corso studi e ricerche per l'applicazione alla generazione di energia per le navi da crociera.

Per tutelare le aree soggette alla navigazione croceristica possono essere scaricate in mare solamente acque batteriologicamente e chimicamente pure. Ogni altro residuo deve essere stoccato a bordo e scaricato in porto per ulteriore trattamento.

In particolare, la nostra attenzione verso il trattamento dei rifiuti solidi si concretizza con raccolta, deumidificazione, trattamento rifiuti da cucina; sorting e riciclaggio rifiuti hotel; compattazione e/o incenerimento (ove consentito) dei rifiuti solidi; pellettizzazione, stoccaggio dei residui per successivo sbarco in porto.

Le iniziative relative ai rifiuti liquidi invece riguardano il trattamento fisico e biologico (in linea con i migliori standard terrestri) di tutte le acque reflue di bordo (acque nere, acque grigie, effluenti di cucine e lavanderie); stoccaggio delle acque depurate; ispessimento ed essicazione fanghi residui per successivo sbarco in porto.

Per evitare la contaminazione con specie provenienti da ecosistemi diversi, sterilizziamo le acque di zavorra prima di scaricarle, attraverso sistemi di ultima generazione basati sul pre-filtraggio del plancton e sulla successiva sterilizzazione con raggi ultravioletti.

 

Le navi militari

Anche il settore militare segue una procedura per la progettazione di navi ecosostenibili, al fine di adottare soluzioni volte alla riduzione degli impatti ambientali sia in fase di costruzione che durante la vita operativa della nave.
Da svariati anni collaboriamo con la Marina Militare Italiana sui temi dell’impatto ambientale già in fase di progetto preliminare. Le nuove unità, alcune già in servizio effettivo, sono caratterizzate da scelte progettuali volte al contenimento dell’impatto ambientale per quanto riguarda le emissioni in atmosfera, i consumi di combustibile, il trattamento delle acque reflue, l’utilizzo di particolari trattamenti di preservazione della carena e la possibilità, per alcune unità speciali di prossima consegna, di intervenire per circoscrivere un tratto di mare contaminato, con possibilità di raccogliere e stivare a bordo le sostanze inquinanti.

In particolare ci stiamo concentrando sulle soluzioni volte a:

 

Riduzione delle emissioni di anidride carbonica (CO2) e di ossidi di azoto (NOX)


Stiamo introducendo criteri di risparmio energetico sviluppati prevalentemente nella disciplina dell’architettura navale ovvero selezionando motori endotermici (sia motori di propulsione che motori per generazione di energia) con appropriate soluzioni tecnologiche e selezionando materiali ad alta efficienza energetica o con alto rendimento di trasmissione termica.

Trattamento e stoccaggio dei rifiuti solidi e liquidi


Abbiamo affidato le soluzioni tecnologiche adottate ai converter. Tali macchinari permettono di essiccare e sterilizzare i rifiuti solidi. La riduzione in volume e in peso e il successivo imballaggio automatico sottovuoto consentono di aumentare la ritenzione a bordo. I moderni converter adottati consentono performance di riduzione di volume pari al 70% e riduzione in peso pari al 30%.
La nostra attenzione verso il trattamento dei rifiuti liquidi si concretizza attraverso unità di trattamento fisico e chimico in cui vengono convogliate le acque grigie e nere e unità di separazione dei residui inquinanti derivanti da sversamenti accidentali in cui sono trattate le acque di sentina.

Decommissioning

Tutte le nostre navi, mercantili e militari, sono consegnate con la certificazione Green Passport in applicazione delle disposizioni della Convenzione Internazionale di Hong Kong per il riciclaggio sicuro ed ecocompatibile delle navi, contiene informazioni su materiali potenzialmente pericolosi utilizzati nella costruzione della nave, delle sue attrezzature e dei suoi impianti. Questo documento va aggiornato a cura dell’armatore in occasione delle attività di manutenzione e refitting che potrebbero alterare lo stato della nave.
Le navi mercantili inoltre sono dotate della Clean Design Notation, la quale indica che la nave fin dal suo concepimento (progettazione) è stata pensata per inquinare il meno possibile durante il suo intero ciclo di vita.

Approfondimenti

Responsabilità di prodotto

I nostri Clienti

Progettazione ecosostenibile

politica e assicurazione qualità

Soddisfazione e fidelizzazione del cliente