Nella comunicazione ai fornitori pubblicata in data 8 aprile 2019 sono elencate le costruzioni navali che rispettano i requisiti richiesti dall’art. 8-bis, primo comma, lett. e), del DPR 633/1972 ai fini dell’applicazione del regime di non imponibilità IVA, trattandosi di unità che, nell’esercizio di attività commerciale, sono state o saranno adibite a navigazione di alto mare per oltre il 70% dei viaggi (risoluzioni n. 2/E del 12 gennaio 2017 e n. 6/E del 16 gennaio 2018 dell’Agenzia delle entrate).

Le caratteristiche dimensionali e tecniche delle navi, le loro modalità di impiego nonché l’attività degli Armatori nostri clienti, notoriamente svolta e ampiamente pubblicizzata, portano comunque a confermare, senza ombra di dubbio, la sussistenza dei requisiti sopra citati. Si precisa che il citato regime di non imponibilità riguarda le prestazioni di servizi, relativi alla costruzione, manutenzione, riparazione, modificazione, trasformazione, assiemaggio, allestimento ed arredamento delle navi; le restanti operazioni (es. le forniture di beni) possono rientrare nel regime di non imponibilità IVA in base all’art. 8-bis, secondo comma, del citato DPR, solo in presenza di dichiarazione di intento di importo capiente rilasciata da Fincantieri.

La comunicazione ai fornitori sarà oggetto di periodico aggiornamento per includere le nuove costruzioni navali e per confermare il trattamento delle navi dopo un anno dalla consegna.